lunedì 9 dicembre 2013

Perché tagliare un albero quando puoi piantarlo ?

un albero in cartone addobbato con ciliege candite e ... rosmarino ?

Interrompo il silenzio di questi mesi per segnalare un'iniziativa che trovo pregevole e divertente (e quindi meritoria di un po' di sana pubblicità), piantare un albero in un'area del sud del mondo invece di tagliarne uno e lasciarlo marcire in una discarica: la TreeBox.

Una Treebox contiene un albero di cartone formato da una spirale che può essere fermata e addobbata secondo fantasia. La cosa più interessante però è che ad ogni Treebox è associato un codice albero che consente di sponsorizzare una pianta piantata in un paese emergente dando così lavoro ad  un contadino.

Un regalo solidale ed ecologico in un colpo solo.

Tramite un sito internet sarà poi possibile seguire la crescita dell'albero, vedere la sua posizione e lasciarci un messaggio all'interno di un social network associato a questa iniziativa: Treedom.

Non ho ancora deciso cosa fare come regalo di Natale ma ho in mente qualche amico che la apprezzerebbe di sicuro... tra l'altro si può vincere un viaggio per verificare dal vivo uno dei progetti in giro per il mondo.

Qualcuno di voi aveva già sentito di questa iniziativa ? lo regalereste ?

Questo è un post di: .

giovedì 14 marzo 2013

50 sfumature di gay (video)

quante sfumature nella vita, quanto siamo gay?

Ciao a tutti, è un bel po' che non scrivo ma la vita reale incombe!

Ho trovato questo video su internet (ogni tanto Facebook serve a qualcosa) e mi ha colpito il fatto che sia stato visto tante volte e che in un modo o nell'altro non mi fosse mai capitato di vederlo (e si che tra blog, gruppi lgbt etc vedo continuamente cose del genere, anche se raramente così ben fatte).

Il progetto descritto nel video, un po' lungo ma e da guardare ASSOLUTAMENTE, quindi preparatevi a perdere un po' della vostra pausa pranzo, parte dal presupposto che sia più difficile non provare empatia per chi si conosce o si ha vicino e quindi sia più difficile negargli dei diritti.

Interessante anche il fatto che descriva tantissime "sfumature di gay" (divertente gioco di parole sul libro Cinquanta sfumature di grigio) e, da gay 100% che sono, ho sempre trovato strano che altri potessero esserlo solo al 70 - 80 - 90%.

Invece a quanto pare quello strano sono io.

Anche se suppongo che dipenda dalla definizione dell' "essere gay". Nel mio 100% ad esempio non considero parametri come mascolinità, hobbies da ragazzo etc ma solo l'attrazione sessuale per persone dello stesso sesso.

E voi ? quanto siete gay ? ... buona visione (e condividete, mi raccomando!)

Questo è un post di: .

domenica 13 gennaio 2013

Una decisione ambigua che crea sconcerto

qui qualcuno parla una lingua diversa
I giudici: "Solo pregiudizi: un bambino può crescere in maniera equilibrata anche in una famiglia omosessuale" L'Avvenire: "Decisione ambigua che crea sconcerto".
ambiguo [am-bì-guo] - agg.
Che può intendersi in più sensi; dubbio: parole ambigue; senso a. di una frase (Grande dizionario Hoepli italiano )
Siamo sicuri che l'Avvenire scriva in italiano? non so voi ma a me nell'affermazione della Cassazione non c'è nulla di ambiguo.

Questo è un post di: .

martedì 21 agosto 2012

Metà dello stipendio al partner del deceduto, anche se gay

e brava Google! (il simpatico robottino android in varsione rainbow)
Recentemente (in occasione della giornata mondiale contro l'omofobia) ero rimasto un po' deluso dal mancato doodle di Google

Ma a quanto pare mi ero sbagliato, Google si sta dimostrando un'azienda decisamente gay friendly. Oltre a Legalize Love (un'iniziativa per sensibilizzare sui diritti civili e umani delle persone, che non dovrebbero essere calpestati sulla base della discriminazione sull’orientamento sessuale) ora la Google ha annunciato alla rivista Forbes che riconoscerà ai familiari e al partner dei dipendenti deceduti, indipendentemente dall'orientamento sessuale, metà dello stipendio per 10 anni.

Decisamente una bellissima idea, viene voglia di andare a lavorare per la Google...

Questo è un post di: .

lunedì 23 luglio 2012

Legalize Love - il video di Obama a favore dei matrimoni gay


LegalizeLove.com - Obama per i matrimoni gay

Guardate bello questo video, non si può certo dire che il Presidente Obama non abbia le idee chiare sulla questione dei matrimoni omosessuali.

Ok, siamo in periodo pre-elettorale, ma per quali siano gli interessi non può che far piacere pensare a quanto sta accadendo negli Stati Uniti e in Francia per il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali.

Quando in Italia? Per ora no, abbiamo il Vaticano ed il PD... non possiamo aspettarci troppo vi pare?

Questo è un post di: .

giovedì 19 luglio 2012

Sei gay? il biglietto del concerto costa la metà

Offerta speciale a Venezia per coppie gay, vai al concerto di Rufus Wainwright spendendo la metà
Una notizia interessante letta su gay news: Rufus Wainwright (wikipedia) ha scelto di offrire alle coppie gay che andranno al suo concerto domani (venerdì 20 luglio, unica tappa italiana del suo tour) a Venezia durante la manifestazione L.i.V.e (Live in Venice) l'ingresso con il 50% di sconto. 

Basta mandare una mail all'indirizzo info@liveinve.com per poi presentarsi con la compagna o il compagno al botteghino ed usufruire dello sconto.

Non conoscevo nemmeno il cantante prima di leggere l'articolo quindi non mi interessa molto, anche se per curiosità ascolterò sicuramente qualcosa di suo su YouTube. Quello che invece mi incuriosisce di più è sapere cosa ne pensate voi (pochi) lettori del mio blog. 

Io sono sempre favorevole a qualsiasi iniziativa che ponga l'accento sui problemi delle coppie omosessuali e sull'inesistenza dei diritti in Italia ma questa è destinata a far discutere e dibattere, specialmente all'interno del mondo lgbt. 

Commentate quindi... che ne pensate?

Questo è un post di: .

mercoledì 18 luglio 2012

Diablo III - diciottenne muore dopo aver giocato per 40 ore di seguito

Voglio la tua anima... con un modico costo mensile
Da un po' di tempo non posto molto perché lavoro e cuore mi tengono piuttosto impegnato. Ma oggi mi è capitato di leggere una notizia che, essendo un accanito videogiocatore, non potevo esimermi dal commentare.
In pratica un diciottenne (di Taiwan) appassionato di giochi di ruolo online ha affittato una stanza privata in un locale (suppongo una sorta di internet point specializzato)  nella quale ha giocato senza toccare cibo ne dormire per 40 ore di seguito all'attesissimo Diablo III della Blizzard (che tra parentesi non mi sono procurato a causa dell'eccesso di impegni di cui sopra).

Naturalmente è morto, si suppone per qualche sopravvenuto problema cardiaco.

Come era facile aspettarsi i commentatori dell'ultima ora in giro per il web si sono sbizzarriti attaccando (o difendendo) questi strumenti del demonio come fa normalmente certa tv. Se non erro Canale 5 o Studio Aperto hanno dedicato alcuni giorni fa un ampio servizio ai rischi dei mmorpg (giochi di ruolo online multiplayer) per la salute degli adolescenti...

Vorrei a questo proposito precisare un particolare: Se ti dedichi a qualsiasi attività per 40 ore filate senza mangiare ne dormire ci sono ottime possibilità di ottenere lo stesso risultato, videogames o non videogames. 

Quindi, per favore, smettetela di assillarci con sedicenti "esperti di giochi" che al massimo hanno risolto i rebus sull'inserto enigmistico di Famiglia Cristiana, e lasciateci giocare in pace.

Grazie

Questo è un post di: .
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi