mercoledì 6 aprile 2011

Una modica quantità di miracoli (consigli per Dio)

Oggi parliamo di miracoli


Un'altra perla di De Mattei che mi ha fatto molto riflettere... ha fatto il giro di internet e quindi non aggiungerò probabilmente nulla di nuovo ma mi sia consentito di sfogarmi un po' contro questo "signore" che riesce a dire tante e tali assurdità da fare un danno persino ai veri credenti. Tra l'altro, è bene ricordarlo, questo novello Torquemada è pure Vicedirettore del CNR.


In un suo intervento a Radio Maria (potete ascoltarlo qui sopra) sul terremoto in Giappone ha avuto il coraggio di dire cose da far accapponare la pelle, tutto per difendere il concetto di Provvidenza, la domanda vecchia come il mondo "ma se Dio è buono perchè permette il male" ?

...Gli eventi naturali catastrofici si succedono negli ultimi anni. Non si è ancora spento il ricordo dello tsunami che ha flagellato le coste dell’Indonesia che ora giungono le terribili notizie dal Giappone. Ci chiediamo se c’è un messaggio di Dio in questi eventi. E quale?
È curioso che al centro di questi eventi sia sempre, almeno per ora, l’Oriente. Significherà anche questo qualcosa? Non sarà come un vento che prima di abbattersi in Occidente soffia da Oriente, come supremo monito all’Occidente? La tradizione dice che Gesù, morendo in Croce, volgesse lo sguardo all’Occidente, all’Europa, alla terra privilegiata che avrebbe dovuto diffondere il suo Vangelo nel mondo, che avrebbe dovuto ospitare la Cattedra di Pietro.
I cristiani continuano a essere perseguitati in Cina e in India, i due Stati più popolati del mondo, i Paesi considerati emergenti nell’economia mondiale: in India da parte dei fondamentalisti indù in numerosi Stati, come l’Orissa e il Kandhamal, in Cina da parte dello Stato comunista; nei Paesi arabi da parte dei Fratelli Musulmani...

e così via... in pratica dato che in oriente il cristianesimo non ha messo proprio molto piede iniziano ad arrivare le catastrofi come monito per l'occidente. Sto semplificando, certo, ma quanto dice è talmente atroce da non meritare più di poche righe e in questi giorni i giornali si sono sprecati nei commenti a queste parole che certamente causano molto clamore.

Senza contare che si permette persino di travisare le parole del suo libro sacro, la Bibbia.
La tradizione dice che Gesù, morendo in Croce, volgesse lo sguardo all’Occidente, all’Europa, alla terra privilegiata che avrebbe dovuto diffondere il suo Vangelo nel mondo, che avrebbe dovuto ospitare la Cattedra di Pietro.
Il sole tramonta ad occidente, è un chiaro simbolo di morte non ci vuole una laurea in teologia per capirlo. Gesù sta morendo e guarda verso il mondo dei morti nel quale sta andando, per poi risorgere come il sole dopo una lunga notte.


Odio le persone come questo triste figuro che si professano credenti e piegano poi la cosa che per loro dovrebbe essere più la sacra ai loro biechi interessi.

La parte che però mi ha più stupito è  un'altra, passata abbastanza sotto silenzio perchè non direttamente collegata al terremoto ma che mi ha fatto veramente cascare le braccia.
Terzo punto infine: le grandi catastrofi sono spesso una benevola manifestazione della misericordia di Dio.
Abbiamo detto infatti che nessuno, mettendosi la mano sulla coscienza, potrebbe dare a se stesso un certificato d’innocenza. Un giorno, quando il velo, che copre l’opera della Provvidenza, sarà sollevato, ed alla luce di Dio vedremo ciò che Egli avrà operato ne’ popoli e nelle anime, ci accorgeremo che per molte di quelle vittime, che compiangiamo oggi, il terremoto è stato un battesimo di sofferenza che ha purificato la loro anima da tutte le macchie, anche le più lievi, e grazie a questa morte tragica la loro anima è volata al cielo prima del tempo perché Dio ha voluto risparmiarle un triste avvenire.
In pratica gli i terremoti sono benevola manifestazione della misericordia di Dio, bella misericordia!!! certo, sono sicuro che un bambino imprigionato sotto le macerie della sua casa, con le ossa spezzate, magari circondato dal fetore dei corpi in putrefazione dei genitori morti sotto quello che resta della loro casa abbia accolto come una liberazione la morte, bella misericordia! il terremoto è stato causato da Dio, perchè mai ha dovuto colpire anche gli innocenti ? per purificarli nella sofferenza ? ma vaffanbicchiere!

Ed incredibilmente riesce a peggiorare, del resto, se Dio è onnipotente non poteva uccidere solo i malvagi ? No, perchè può fare solo una modica quantità di miracoli !!! assurdo vero ? riporto la frase incriminata.

Ora questo concetto che Dio, talora, si serva delle grandi catastrofi per raggiungere un fine alto della sua giustizia, si trova in tutte le pagine della Bibbia. Che cosa furono il diluvio, il fuoco caduto su Sodoma e Gomorra e quello che non si abbatte su Ninive, se non castighi di Dio?
Ma – si dice – la catastrofe è cieca, punisce il colpevole, e colpisce l’innocente; come si conciliano colla Provvidenza queste stragi dell’innocenza e della virtù? La risposta è che Dio non potrebbe fare in modo che un terremoto colpisca il colpevole e rispetti l’innocente, senza moltiplicare miracoli, o modificare profondamente il piano della creazione divina. Senza dubbio talvolta Iddio salva l’innocente operando un miracolo; ma Dio non è obbligato a moltiplicare i miracoli, o a rinunziare al piano della sua creazione per salvare la vita di un innocente.
Ma siamo impazziti ??? cos'è i miracoli funzionano come i poteri nei videogiochi ? Pioggia di Fuoco! Eruzione Vulcanica! oh guarda, povero bambino... Miracolo di Guarigio... o porcoMe ho finito i punti magia!

Ora si mette male...

Questo pezzo del suo discorso mi ha veramente fatto imbestialire, come è possibile che la gente sia così idiota da dargli retta ? Poi però ho pensato un po' più attentamente alla cosa e forse ne ho capito il motivo, contorto, ma ha una sua logica perversa.

Dio non può fare troppi miracoli perché altrimenti la fede non avrebbe senso, del resto è facile credere se una luce dal cielo ti fa ricrescere una mano mozzata.  Quindi si limita ad agire dietro le quinte, manipolando un terremoto qua, un'eruzione la, e usando i fulmini giusto quando è veramente incazzato ma senza prendere troppo bene la mira, tanto se prende un poveraccio che passa li accanto era comunque destino.

In pratica pochi miracoli per volta, e dubbi, in modo da aiutare gli uomini ma senza far sapere che è stato lui... una modica quantità di miracoli.

Servono delle ventose ? si quelle per arrampicarsi meglio sugli specchi... povero De Mattei, deve essere triste la vita quando tenti di difendere un'essere eterno, presente in ogni cosa, onnisciente ed onnipotente che ha creato il mondo ma fa finta di non esistere.

Ventose, mai tentare di arrampicarsi sugli specchi senza


Voglio chiudere con un'ultima perla del caro De Mattei, sempre tratta dalla trasmissione a Radio Maria.
In primo luogo le grandi catastrofi sono una voce terribile ma paterna della bontà di Dio, che ci scuote e ci richiama col pensiero ai nostri grandi destini, al fine ultimo della nostra vita, che è immortale.
Infatti se la terra non avesse pericoli, dolori, catastrofi, eserciterebbe sopra di noi un fascino irresistibile, non ci accorgeremmo che essa è un luogo d’esilio, e dimenticheremmo troppo facilmente, che noi siamo cittadini del cielo
Ma è impazzito del tutto ??? se non ci fossero le catastrofi la terra sarebbe un paradiso, ma dato che siamo qui per soffrire e che senza il male potremmo lasciare sfitto il regno dei cieli Dio manda i terremoti per ricordarci che tra poco scade il contratto ??? ma vaffanbicchiere, di nuovo.

Concludo con qualche consiglio per il Padreterno.

Non è blasfemia. Dio è in ogni cosa quindi pure su internet (ricordatevene quindi la prossima volta che visitate un sito porno), e quindi legge anche questo blog.
  1. cambia rappresentanti, questa gente che parla in tuo nome spara solo cazzate

  2. quando perdi le staffe conta fino a 10.000.000.000.000.000.000.000.000 o anche di più tanto hai tutto il tempo che vuoi e i vulcani non scappano.

  3. se vuoi colpire i malvagi, non c'è bisogno dei terremoti, quella è roba vecchia! da antico testamento. L'uomo ha la tecnologia ora, vuoi eliminare i politici italiani ?(rendiamo grazie a questa idea) una fuga di gas sotto camera e senato ed è fatta! se vuoi fare scena puoi farla esplodere.
    Ed il bello è che non dovresti nemmeno fare casino per nascondere il tuo passaggio (sai la modica quantità di miracoli di cui sopra?), darebbero la colpa agli anarcoinsurrezionalisti.
Ok, a questo punto basta, mi sono sfogato abbastanza. MA se proprio volete gustarvi un'altra perla di De Mattei leggete il mio post di ieri  La pensi come De Mattei ? allora sei gay ! (fa anche rima) stavolta il genio ha detto che Roma è caduta per colpa dei gay.

1 commento:

  1. Auguro al De Mattei di essere purificato sotto le macerie di casa sua, per sempre.
    Sia ben chiaro, QUANDO IN CASA C'E' SOLO LUI!!!!
    David di Livorno

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi