mercoledì 21 settembre 2011

Giovanardi risponde ad Anch3Basta


Pubblico una risposta del ministro Giovanardi  ad un mio post sul blog. Devo dire che mi fa sentire importante :)

Avendo evidentemente travisato il suo pensiero in seguito alla lettura dell'articolo su Gay.it  non posso che esser lieto di pubblicare la smentita. Continuo a pensare che l'aggravante vada applicata e che l'utilizzo delle statistiche sulle aggressioni nel suo discorso fossero pretestuose perché non contestualizzate,  ma è sempre un piacere vedere che i politici seguono la rete e che hanno capito che è necessario rispondere ai cittadini. 

Non credo di averlo insultato ma in ogni caso quel che è giusto è giusto. Ho quindi rimosso dal mio post precedente le mie errate conclusioni mantenendo però la citazione al post originale.



Gent.le Signore,

mi riferisco all'articolo elaborato il 16 settembre 2011, a firma dello pseudonimo "Abnormal" dal titolo "Giovanardi: che c'è di male a dare del frocio a qualcuno?". Per amore della verità, e non certo per replicare agli insulti dell'estensore dell'articolo che si commentano da soli, devo solo precisare che le affermazioni che mi sono attribuite non mi appartengono e sono il frutto fazioso di un affastellamento di citazioni in cui si smarrisce completamente il senso del mio pensiero. Io non mi sono mai sognato di dire che "se offendi una persona solo per il suo orientamento sessuale, questa aggravante non va applicata" ma, all’esatto contrario, che ogni azione caratterizzata da un movente omofobo deve essere sanzionata più rigorosamente. Ma per fare questo non è necessario ricorrere ad una nuova, specifica norma penale, essendo già previsti nell’ordinamento giuridico italiano strumenti idonei a tale scopo. Così come ha ragionato il pm chiamato a pronunciarsi sul caso avvenuto il 7 settembre u.s., in cui una donna era stata picchiata da un uomo, mentre si trovava, assieme alla sua compagna e ad un'amica, in un ristorante di Milano. Il giudice, facendo esplicito riferimento alla ''omofobia'', si è limitato a contestare all'indagato, oltre alle accuse di lesioni e violenza privata, l'aggravante “dell'aver agito per motivi abietti quali l'omofobia'' prevista dal codice penale.

F.to Sen. Carlo Giovanardi Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio” 
Questo è un post di: .

3 commenti:

  1. visto che è in vena di risposte allora risponda sulle dichiarazioni che ha fatto l'anno scorso sulla strage di ustica, quando disse che si era trattato di una bomba!

    RispondiElimina
  2. ora non esageriamo con la buona volontà.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi