giovedì 24 novembre 2011

Caso meningite a Pisa, grave il 24enne colpito - Leggere e condividere - IMPORTANTE

Attenzione!

Ciao a tutti, oggi uso il blog per una comunicazione importante. E' stato confermato un caso di meningite a Pisa, il ragazzo ha frequentato un bel po' di locali purtroppo e quindi potrebbe aver contagiato un po' di persone. Quindi fate girare la notizia.


Il ragazzo è stato ricoverato domenica mattina nel reparto di malattie infettive. Chi si fosse recato nei locali frequentati dal giovane nelle scorse settimane, deve eseguire la profilassi per evitare il contagio
E’ gravissimo il 24enne operaio di Vecchiano che è stato colpito dalla meningite meningococcica di tipo C: la diagnosi è stata confermata. 

Il ragazzo presentava i classici sintomi di nausea, vomito, cefalea e alterazione dello stato di coscienza. Inoltre è stato notato l’irrigidimento nucale. Dunque quello che all’inizio era stato un sospetto, è diventata una realtà.

I medici confermano la gravità e affermano di non poter capire la piega che prenderà la malattia prima di 48-72 ore. La meningite meningococcica è una malattia batterica acuta, molto grave caratterizzata, dopo un periodo di incubazione di 1-10 giorni, da esordio improvviso, febbre, cefalea intensa, rigidità nucale, nausea, vomito e frequentemente esantema; i microrganismi di gruppo A, B e C sono responsabili della maggior parte dei casi. In passato il tasso di letalità superava il 50%, ma, con la diagnosi precoce, una corretta terapia e le misure di sostegno, nella maggior parte dei casi si ha rapida guarigione senza postumi: il tasso di letalità varia tra il 5 e il 10%.

 La malattia si trasmette per via aerea, quindi visto che il ragazzo ha frequentato tre locali chiusi e affollati negli scorsi fine settimana, vale a dire il Colors (11-18 novembre) e My Keta (11 novembre) a Pisa , Remix a Lucca (12 novembre), le persone entrate in contatto con lui e potenzialmente contagiate potrebbero essere molte.

Per questo l’Asl 5 consiglia a chi ha frequentato i locali in questione di recarsi dal proprio medico di famiglia o contattare l’Igiene e Sanità Pubblica della ASL 5 (050954422 – 050954444 – 050954415 – Dott. Alberto Del Forno e Dott. Piero Cibeca) per effettuare la opportuna profilassi, che consiste nell’assunzione di un farmaco antibiotico. Fonte: Ireos.org 


Questo è un post di: .

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi