venerdì 9 dicembre 2011

Giovane imprenditore suicida, un altro

Un altro imprenditore suicida per debiti
Roma 06 Dicembre 2011 - Si è tolto la vita impiccandosi in giardino Alessandro Papa, 37 anni, giovane piccolo imprenditore romano. Disperato per il fallimento della società che aveva aperto con altri soci per gestire le palestre della capitale era dovuto ricorrere agli usurai ed alle banche per dei prestiti. Accortosi dell'imminente data di scadenza dei finanziamenti ha deciso di farla finita. Unica richiesta di aiuto, che nessuno sembra a ver compreso, con un messaggio su Facebook il 30 Novembre scorso "Quando pensi di aver perso tutto è troppo tardi per poter recuperare: resti lì a vagare senza meta alla ricerca di qualcosa che il tuo cuore spera, ma la tua testa sa che non ci sarà più: è tutto scritto".

Non riferirò ulteriori dettagli, si possono trovare sul web. Vorrei però soffermarmi sul fatto che non si tratta di qualcuno rovinatosi al gioco, di qualcuno che ha sperperato tutto in prostitute, droga o quant'altro.
Solo un semplice ragazzo che ha deciso di mettersi in gioco e si è trovato a dover far fronte alla crisi ed all'assenza di assistenza da parte dello stato e delle banche perché probabilmente "inadatto al business". Magari senza una famiglia in grado di sostenerlo, o con una a carico, o magari semplicemente costretto dalla banche ad usare come garanzia tutto quel che aveva.

Del resto senza una garanzia di qualche tipo (spesso la casa) è ormai possibile ottennere fidi o finanziamenti dalle banche.

Quale stato può dirsi tale se costringe un lavoratore ad un passo del genere? la violenza è sempre da condannare ma dopo aver letto la notizia, dopo le dichiarazioni dei politici sulla manovra lacrime e sangue non riesco a non capire il perché dell'odierno pacco bomba ad Equitalia.

Citando De Andrè ("il bombarolo"):

... Cosi' pensava forte, un trentenne disperato se non del tutto giusto, quasi niente sbagliato, cercando il luogo idoneo adatto al suo tritolo,insomma il posto degno, d'un bombarolo...

Chiudo il post citando la fonte dell'evocativa immagine usata nel post: "The hanged man"

Questo è un post di: .

1 commento:

  1. ancor piu triste dire che i debiti li aveva SOLO con le banche!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi